Jaque Fresco – Sistema Sociale Sostenibile Per Tutti

Jacque Fresco è un designer industriale, ma anche un ingegnere sociale molto interessato alle tematiche e agli sviluppi di un sistema sociale sostenibile per tutti.
La corruzione è un aberrante comportamento, invenzione del monetarismo, che risulta distruttivo per il benessere di tutti.
Stiamo parlando di un elemento del comportamento umano e tengo a precisare che il comportamento umano è determinato dall’Ambiente.
Jaque Fresco Sistema Sociale Sostenibile per tuttiSe fossimo nati e cresciuti presso una tribù indiana, africana, o qualsiasi cultura diversa da quella che consideriamo la “nostra cultura“, non avendo mai visto nessun’altra realtà, avremmo la loro stessa base di valori.
Questa osservazione può essere applicata ai singoli individui, alle nazioni, alle famiglie che cercano di indottrinare i propri bambini verso una particolare credenza e che trasmettono il senso di appartenenza che si suole provare per il proprio paese e per la propria comunità.
Loro” rendono consolidato un punto di vista che intendono perpetuare nel tempo.
Nonostante tutte le società siano in realtà emergenti, non c’è nulla di consolidato, per questo motivo combattono costantemente le nuove idee, che potrebbero interferire con ciò che è stato stabilito dal potere.

I Governi cercano in tutti i modi di perpetuare nel tempo ciò che consente di rimanere al potere.
Le persone non vengono elette alle cariche pubbliche per cambiare le cose, vengono messe lì per mantenere le cose come stanno. Quindi risulta sempre più evidente che le basi della corruzione sono parte nel nostro modello sociale.

Tutte le nazioni sono fondamentalmente corrotte, perchè tendono a sostenere le istituzioni esistenti. Non intendiamo dare sostegno o sminuire nazioni e governi, ma comunismo, socialismo, fascismo, il sistema del libero mercato e tutte le altre sottoculture, sono essenzialmente la stessa cosa. Sono tutte fondamentalmente corrotte. La caratteristica fondamentale delle nostre istituzioni sociali è la necessità di auto-conservazione. Quando si ha a che fare con un’istituzione, sia essa una corporazione, una religione o un governo, l’interesse principale è quello di preservare l’istituzione stessa. Per prendere un esempio, l’ultima cosa che una compagnia petrolifera vuole è l’utilizzo di energia al di fuori del suo controllo in quanto renderebbe quella compagnia meno importante per la società. Allo stesso modo, la Guerra Fredda e il crollo dell’Unione Sovietica sono stati, in realtà, un modo per preservare e perpetuare l’egemonia economica globale riconosciuta agli Stati Uniti. Allo stesso modo le religioni condizionano le persone facendole sentire colpevoli delle loro inclinazioni naturali, ognuna delle quali propone la propria retta via per il perdono e la salvezza eterna.

Al centro di questa autopreservazione delle istituzioni abbiamo il sistema monetario.
Questo succede perchè, attualmente, è il denaro che fornisce i mezzi per il potere e per la sopravvivenza. Tuttavia, come una persona povera potrebbe essere costretta a rubare per poter sopravvivere, viene naturalmente fatto tutto ciò che serve affinché un’istituzione possa continuare a generare profitti. Tutto questo rende intrinsecamente molto difficile il cambiamento delle istituzioni basate sul profitto, in quanto non solo metterebbe a rischio la sopravvivenza di un gran numero di persone, ma anche gli stili di vita materialisti protetti, associati a ricchezza e potere.
La paralizzante necessità di preservare un’istituzione senza avere riguardo della sua importanza sociale è radicata principalmente dal bisogno di denaro e profitto.

INDUSTRIA. “Perchè dovrebbe interessarmi l’industria?”
È difficile in un si stema monetario basato sui profitti avere fiducia delle personeQuesto è quello che pensano in molti.
Quindi, se una persona “fà soldi” vendendo un certo prodotto, è naturale che vorrà combattere contro l’esistenza di un altro prodotto che potrebbe minacciare la sua “istituzione“. Questo è uno dei motivi per cui le le persone non riescono ad essere oneste, e non si fidano le une delle altre.
Quando un tizio ti ferma per strada e ti dice: “Ho proprio la cosa giusta per te“, puoi stare certo che è un venditore. Quando un medico dice: “Credo che il suo rene debba essere asportato“, è difficile capire se sta cercando di pagarsi il suo nuovo yatch o se il mio rene deve essere davvero asportato.

È difficile in un sistema monetario basato sui profitti avere fiducia delle persone.
Se veniste nel mio negozio e vi dicessi “Questo Pc portatile con installato Windows 7 che ho in mostra è abbastanza buono, ma quelli che vendono nel negozio a fianco, oltre ad avere un ottimo hardware montano sistemi operativi Linux e sono molto migliori”… Probabilmente il mio negozio non durerebbe molto.
Se decidessi di essere “etico” il mio negozio non funzionerebbe o non funzionerebbe nei termini di “fare tanti soldi”. Così, quando si dice che “l’industria ci tiene alle persone“, non è affatto vero. Non possiamo permetterci di avere un’etica. Quindi, il nostro sistema non è disegnato per seguire il benessere delle persone. In caso non lo aveste ancora capito, l’industria non tiene alle persone. “Loro” assumono persone solo perchè non sono ancora riusciti ad automatizzare quel particolare settore. Quindi non parliamo di decenza o di etica quando si parla di commercio e di industria, le grandi aziende non possono permettersele e continuano, a loro maniera, a mandare avanti gli affari.

È importante sottolineare che, all’interno dei sistemi sociali sperimentati durante la storia: fascismo, socialismo, capitalismo o comunismo, i meccanismi che governano il tutto sono stati e rimangono il denaro, il lavoro e la competizione. La Cina comunista non è meno capitalista degli Stati Uniti, l’unica differenza è la misura in cui lo stato interviene nelle imprese e la verità è che il “monetarismo“, chiamiamolo così, è il vero meccanismo che dirige gli interessi di tutte le nazioni del Pianeta.
La variante più prevaricante ed aggressiva di questo monetarismo è il sistema della libera impresa.
La visione fondamentale, prospettata dai primi economisti, sostenitori del libero mercato, come ad esempio Adam Smith, è che l’interesse individuale e la competizione conducono alla prosperità sociale, in quanto la competizione dovrebbe creare l’incentivo che motiva le persone a perseverare.
Tuttavia, quello che non si dice, è che un’economia basata sulla competizione inevitabilmente determina una corruzione strategica, la consolidazione del benessere e del potere, la stratificazione sociale, la paralisi tecnologica, lo sfruttamento del lavoro, ed infine una forma occulta di governo dittatoriale da parte dell’elite che detiene la ricchezza.
La parola “Corruzione” è spesso definita come una “perversione morale“.
Se una società immette i propri rifiuti tossici in mare per risparmiare denaro, la maggior parte delle persone interpreterà questo come un atto di corruzione. Ad un livello più sottile, quando i grandi ipermercati irrompono in una piccola città, inducendo i piccoli negozi a chiudere i battenti perchè incapaci di competere con loro, emerge una grande zona d’ombra.
Cosa stanno facendo di davvero sbagliato le grandi multinazionali?
Perchè a loro dovrebbero importare le piccole aziende a conduzione familiare che distruggono?
E ancora più sottilmente, quando una persona viene licenziata perchè è stato creato un nuovo macchinario che fa lo stesso lavoro con minor spesa, le persone tendono ad accettarlo perchè “è così che gira il mondo“, senza fermarsi a riflettere su quanto ha di disumano e immorale questo tipo di azione.
La questione da considerare è che, sia che parliamo di smaltimento di rifiuti tossici, che di gestire un’impresa monopolistica, o di ridurre la forza lavoro, il motivo principale è sempre lo stesso: il profitto.
Sono tutte diverse fasi del meccanismo di conservazione del sistema, che mette sempre il benessere delle persone al secondo posto, dopo il profitto monetario.
Bisogna anche notare che la corruzione non è soltanto un “sottoprodotto” del monetarismo, ma ne costituisce il vero elemento fondamentale, e mentre alcune persone, in un modo o nell’altro, riconoscono questa tendenza, la maggioranza si dimostra inconsapevole riguardo alle ramificazioni e alle conseguenze di un sistema con mentalità dominante egoistica come quello della società in cui viviamo.

La Bayer ha generato profitti noi abbiamo contratto l'aids

“Documenti interni dimostrano che una società farmaceutica influente, anche dopo essere venuta a sapere per certo di possedere medicinali infettati dal virus dell’AIDS, eliminò i medicinali dal mercato negli Stati Uniti, e li piazzò sui mercati Europei (Francia), dell’Asia e dell’America Latina.
Il governo degli Stati Uniti ha consentito che questo avvenisse, la FDA (Food and Drug Administration) ha consentito che questo avvenisse.
E adesso il governo fa finta di non sapere…
Migliaia di emofiliaci innocenti sono morti per il virus dell’AIDS.
Questa compagnia sapeva per certo che i suoi prodotti erano infetti dal virus dell’AIDS, li hanno piazzati sul mercato perchè volevano trasformare questo disastro in un profitto“.

Quindi, vedete, c’è una corruzione intrinseca che non può essere eliminata. Continuiamo a imbrogliarci gli uni con gli altri, e non ci si può aspettare onestà o decenza in questa realtà.

POLITICA. Avere la sensazione di non sapere chi eleggere.
Loro” pensano in termini di democrazia quando sanno perfettamente che non è possibile la democrazia in una economia basata sul sistema monetario.
Chi ha più denaro può “pubblicizzarsi” per ottenere, la posizione che desidera al governo, questa non è Democrazia ma un qualcosa che serve coloro che sono in una posizione di vantaggio rispetto ad altri, una dittatura delle elite finanziariamente ricche e influenti.

“In questo paese possiamo avere una democrazia o una grande ricchezza concentrata nelle mani di pochi, non possiamo averle entrambe.”
(Louis Brandeis, Corte Suprema di Giustizia – USA)

È interessante osservare e notare come personalità apparentemente sconosciute appaiono magicamente sulla scena come candidati presidenziali. Dopodichè, prima che ve ne rendiate conto, non vi rimarrà che scegliere in mezzo ad un piccolo gruppo di persone estremamente potenti che hanno in comune una stessa visione sociale di fondo. Ovviamente è tutto una farsa. Le persone indicate nelle schede elettorali si trovano li perchè sono state selezionate affinché risultassero accettabili ai poteri finanziari che attualmente tirano le redini. Tuttavia, molti di coloro che si rendono conto di questa illusione di democrazia, spesso pensano: “se soltanto riuscissimo a mandare al potere i nostri politici onesti, con un’etica, allora le cose funzionerebbero”.

Sebbene questa osservazione sembri giusta nella nostra tradizionale visione del mondo, si tratta sfortunatamente di un altro inganno. Quando si arriva a questioni realmente importanti, le istituzioni politiche così come i politici stessi, non hanno in verità alcuna competenza su ciò che fa funzionare il nostro mondo e la nostra società. Non sono i politici che possono risolvere i problemi, non ne hanno le capacità tecniche, non sanno come risolvere i problemi. Anche se fossero sinceri e onesti, non saprebbero risolvere i problemi.

Sono i tecnici che producono gli impianti di desalinizzazione, sono i tecnici che ti fanno avere l’elettricità, che ti fanno avere autoveicoli, che scaldano le nostre case d’inverno e le rinfrescano d’estate. È la tecnologia che risolve i problemi, non la politica. I politici non possono risolvere i problemi perchè non sono stati addestrati per farlo.
Davvero poche persone oggi si fermano a riflettere su quali siano gli elementi che migliorano le proprie vite. Sono i soldi? Ovviamente no. Nessuno può mangiare il denaro o introdurlo nella propria auto affinché funzioni.
Sono i politici? Tutto quello che possono fare i politici è creare leggi, stabilire budget di spesa e dichiarare guerra.
È la religione? Certo che no, la religione non crea nient’altro che consolazioni emotive intangibili per coloro che ne hanno bisogno.
Il vero dono che noi esseri umani possediamo, e che è la sola responsabile di tutto ciò che ha migliorato le nostre vite, è la tecnologia.

TECNOLOGIA. Cos’è la tecnologia?
La tecnologia è una matita che consente ad ognuno di noi di riportare le proprie idee su carta, di comunicarle. La tecnologia è un’automobile che ci consente di viaggiare più rapidamente di quanto i nostri piedi ci consentano. La tecnologia è un paio di occhiali che permettono di vedere meglio a coloro che ne hanno bisogno. La tecnologia applicata di per sè, non è nient’altro che un’estensione delle facoltà umane, che consente di ridurre gli sforzi dell’uomo, liberando gli umani da “certi lavori fastidiosi” o da particolari problemi. Immaginate come sarebbe la vostra vita oggi, senza un telefono, o un forno, o un computer, o un aeroplano. Tutto quello che trovate in casa vostra e che considerate come un dato di fatto; dal campanello, alla tavola, la lavastoviglie, è tecnologia, generata dall’ingegnosità creativa e scientifica dei tecnici umani. Non il denaro, non la politica, non la religione, quelle sono false istituzioni.
Se volete che qualcosa venga fatto vi dicono di scrivere al vostro parlamentare, gli uomini al governo dovrebbero avere un ruolo di primo piano nelle tecnologie, un ruolo di primo piano nelle relazioni umane, un ruolo di primo piano in materia di crimine.
Tutti questi fattori danno forma al comportamento umano. Non dovremmo scrivere ai nostri parlamentari, che tipo di persone sono coloro che sono stati designati per fare questo tipo di lavoro?
In futuro avremo delle grosse difficoltà e la questione che sollevano sempre i nostri politici è: “Quanto costerà questo progetto?” La domanda da farsi non dovrebbe essere “quanto ci costerà?” ma “abbiamo le risorse per farlo?”
E oggi abbiamo, definitivamente, le risorse per dare casa a chiunque, per costruire ospedali in tutto il mondo, per costruire scuole in tutto il mondo, abbiamo le migliori apparecchiature e i laboratori per insegnare a condurre ricerche mediche. Quindi, vedete… abbiamo tutto questo, ma siamo in un sistema monetario, e nel sistema monetario esiste il profitto.
E qual è il meccanismo fondamentale che regola il sistema del profitto oltre all’interesse individuale?
Cos’è esattamente che mantiene questa tensione competitiva al suo interno? È per caso la massima efficienza e sostenibilità? No. Questo non fa parte del loro piano. Niente di ciò che viene prodotto nella nostra società basata sul profitto è lontanamente sostenibile o efficiente. Se non fosse così, non esisterebbe un settore industriale multimiliardario al servizio dell’automobile e il tempo medio di obsolescenza della maggior parte dei dispositivi elettronici non sarebbe inferiore ai 3 mesi.
È l’abbondanza delle risorse? Assolutamente no. L’abbondanza, se consideriamo la legge della domanda e dell’offerta, è attualmente un elemento negativo. Se una compagnia di diamanti estraesse dieci volte più diamanti durante i suoi scavi, questo porterebbe ad un aumento dell’offerta di diamanti, e ad un conseguente calo dei prezzi e dei profitti. Di fatto, efficienza, sostenibilità e abbondanza sono nemici del profitto. Per dirla in parole povere, è il sistema della scarsità delle risorse che fa crescere i profitti.

interesse individuale e competizione conducono a prosperità socialeSCARSITÀ. Cos’è la scarsità delle risorse?
Per poter mantenere ingenti profitti viene ridotta la produzione di petrolio affinché i prezzi aumentino. Mantenere scarso l’approvvigionamento di diamanti, ad esempio, ne mantiene il prezzo alto.
Alla “Kimberly Diamond Mines” bruciano i diamanti, che sono fatti di carbone, perchè questo mantiene i prezzi alti. Quindi, che significato ha per la società il fatto che la scarsità, sia quella naturale che quella ottenuta artificialmente, sia una condizione favorevole per l’industria?
Significa che sostenibilità e abbondanza delle risorse non si avranno mai in un sistema basato sul profitto e questo semplicemente perchè va contro la natura stessa del sistema. Quindi, è impossibile avere un mondo senza guerre o povertà. È impossibile continuare a far progredire la tecnologia fino al suo grado di massima efficienza e sostenibilità. E ancora più drammatico, è impossibile aspettarsi che gli esseri umani si comportino in modo realmente etico e decoroso.

NATURA umana o COMPORTAMENTO umano? Le persone usano la parola “istinto” quando non riescono a dare una spiegazione rispetto ad alcuni comportamenti. Riflettono un attimo, valutano con la loro mancanza di conoscenza, e dicono cose come: “la gente è fatta in un certo modo“, “l’egoismo è una cosa naturale“, come se avessero lavorato per anni su questi temi.
Il nostro obiettivo consiste nell’eliminare le cause dei problemi, eliminare quei processi che producono avidità, fanatismo e pregiudizi, affinché le persone traggano vantaggio le une dalle altre, eliminando il concetto di elitarismo e di classismo. Eliminare il bisogno di prigioni, di assistenza sociale.
Abbiamo sempre avuto questi problemi perchè abbiamo sempre convissuto con la scarsità, ed è il sistema monetario che produce la scarsità.
Se sradichiamo le condizioni che generano quello che viene chiamato “comportamento sociale pericoloso“, questo cesserà di esistere.
Alcune persone dicono: “Non è innato questo comportamento?” No, non lo è.
Non esiste la “natura umana“, esiste invece il “comportamento umano“, che nel corso della storia è cambiato varie volte. Voi non siete nati con il fanatismo, l’avidità, la corruzione o l’odio. Li avete acquisiti all’interno della società. Guerra, povertà, corruzione, fame, miseria, sofferenza umana… Non potranno risolversi nel sistema monetario.
In questo sistema ci saranno cambiamenti ben poco significativi. Sarà necessario ridisegnare tutte le nostre culture e i nostri valori, e questi dovranno essere messi in relazione alle risorse naturali della Terra, della Natura, non sulla base dell’opinione di qualche uomo, su qualche nozione politica che pretende insegnare come dovrebbe essere il mondo o sull’opinione religiosa circa la gestione delle questioni umane.

Rif. TheZeitgeistMovement.com

Continua…

Jaque Fresco - Future by design (sub ita)

Il progetto Venere, the Venus Project, fu avviato intorno al 1975 da Jacque Fresco e Roxanne Meadows a Venus, Florida, Stati Uniti. Il progetto iniziò con l’idea che la povertà è la causa del soffocamento tecnologico che, a sua volta, è il risultato dell’attuale sistema economico mondiale basato sul profitto. Se il progresso tecnologico fosse indipendente da qualsiasi beneficio economico si otterrebbe il risultato di avere più rirsorse per più persone.
Documentario in lingua inglese con sottotitoli in Italiano, Spagnolo, Inglese, etc… Jaque Fresco – Future by Design (sub -Ita)



Cliccando sul campo Italian [100%] è possibile cambiare la lingua dei sottotitoli da Italiano a spagnolo, inglese, etc…
Per guardare il video comodamente senza interruzioni o rallentamenti di banda dovuti ad eccessivo traffico puoi apprendere un metodo per scaricare qualsiasi video, immagine o documento presente in internet cliccando QUI

[like]
Linea di separazione
Torna all'inizio della pagina

Per approfondire la tua conoscenza puoi visionare gli svariati documentari gratis e articoli collegati cliccando sui link qui sotto:

Comments

  1. mauro merlino says

    Vi invio questo nostro Articolo, sono Mauro Merlino Vicepresidente dell’Associazione Attivisti Gay Harvey Milk :
    Presidenti Associazione Marco Bottaro e Angela Paradiso-I locali gay promiscui devono chiudere i battenti? E’ questa la proposta avanzata nei giorni scorsi dai membri dell’associazione ”Attivisti Gay Harvey Milk” che al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e al Presidente del Consiglio Monti chiedono espressamente di promulgare un disegno di legge atto alla chiusura dei locali frequentati da clienti omosessuali e promiscui, fra i quali vengono menzionate le saune, i Battuage e le dark room.
    A rend
    erlo noto sono stati i membri dell’Associazione gay Harvey Milk, che si battono affinché l’odio contro le persone omosessuali possa essere cancellato una volta per tutte.

    “Fermare per sempre l’omofobia nel nostr
    o Paese, fermare la pedofilia, la transfobia e il razzismo in tutto il mondo, avere i nostri diritti umani e civili, avere una legge contro il reato dell’omofobia, avere il diritto di sposare la persona che si ama, avere il diritto di adottare dei bambini”, sono questi gli obiettivi prefissi dall’associazione, che alle Forze dell’Ordine chiedono adesso un aiuto concreto affinché possano essere arginati alcuni spiacevoli fenomeni definiti “scandalosi”.

    All’interno dei locali “sotto accusa” si farebbe infatti un eccessivo consumo di sostanze stupefacenti, e sarebbero servite bevande alcoliche anche ai clienti minorenni. All’esterno inoltre avverrebbero continuamente episodi di brutale violenza, spesso ”provocati” proprio dall’orientamento sessuale dei clienti dei locali.

    “Chiediamo a voi alte cariche dello Stato di provvedere inoltre al contenimento, alla restrizione e all’eliminazione di siti web pornografici e chat, per la grandissima minaccia concreta e tangibile della pedofilia”, fanno sapere i membri dell’associazione, che dal canto loro si dicono pronti a cooperare “perché troviamo sia giusto e doveroso poter collaborare e camminare insieme per la costruzione di politiche sociali anti-discriminatorie”.

    “Se le nostre richieste di democrazia, libertà e tutela non saranno riconosciute e garantite dal nostro Governo e dalle vostre persone – fa però sapere Mauro Merlino, Vicepresidente dell’Associazione Harvey Milk – faremo un esposto all’Alta Corte Del Parlamento Europeo e all’Onu chiedendo il loro appoggio, aiuto e sostegno per mettere in mora questo Paese, visto che il nostro Governo rimane cieco e sordo di fronte alla legittima richiesta di diritti civili e umani”.
    Info 3426250350

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *